Una super Luciana Mosconi stende la capolista Rimini

Chiamiamola “ammazza-grandi” o semplicemente Luciana Mosconi Ancona. I ragazzi di Piero Coen aggiungono l’ennesima perla alla loro grande stagione battendo per la seconda volta la capolista Rimini che quest’anno ogni volta che vede le maglie bianconeroverdi esce con il mal di testa. La squadra dorica è una vera goduria. Gioca un primo tempo sontuoso, in particolare un secondo quarto da autentico capolavoro, e poi nella ripresa gestisce la logica reazione dei riminesi che recuperano fino ad avere il tiro della vittoria sulla sirena finale ma l’errore concede il trionfo più che meritato ai padroni di casa. Una vittoria che permette alla Luciana Mosconi di assicurarsi minino il quinto posto nella griglia playoff e di strizzare l’occhio alla 4a piazza ora divisa con la NPC Rieti che ha però una partita in meno (proprio a Rimini il 5 maggio prossimo). Ma aldilà di una classifica sempre più incredibile, illuminata dal 4°successo di fila (9° nelle ultime 12), la Luciana Mosconi da la forte impressione di essere squadra sempre più quadrata che arriva alla fase finale di campionato in piena fiducia e carica delle sue convinzioni appoggiata sul credo cestistico di coach Piero Coen.

Rimini è seguita nella sua seconda trasferta consecutiva nelle Marche da un buon numero di tifosi che fanno sembrare il Palarossini una succursale del PalaFlaminio. La RBR, memore del match dell’andata, parte fortissimo e colpisce da tre punti in maniera efficace in quattro dei suoi primi cinque attacchi per l’8-14. Ancona stenta a carburare e va sul -8 (9-17) con un Saccaggi subito ispirato per gli ospiti. Cinque punti in fila di Panzini danno slancio ai dorici che sono sotto 14-19 e chiudono il primo periodo con un parziale di 9-3 che li porta avanti 23-22 al 10′ grazie ai primi punti di Quarisa e Centanni.

Il secondo quarto è semplicemente fantastico per la Luciana Mosconi. Il canestro iniziale di Rinaldi rimarrà l’unico per molto tempo per i riminesi che subiscono ancora tantissimo da Quarisa e soci. La solidità di Cacace inizia a far malissimo e poi c’è la piacevole scoperta di Nikodem Czoska mandato nella mischia e bravissimo a rispondere presente. Proprio il giovane polacco dopo 2′ di secondo quarto concretizza un gioco da tre punti per il 30-24. Quarisa arriva in doppia cifra (34-26) e c’è il jumper vincente di Centanni che mette per la prima volta tra le due squadre 10 punti a -6’27” (36-26). Coach Ferrari chiede time out e scuote i suoi ma non trova troppi benefici. Cacace segna 5 punti e il successivo 1/2 di Quarisa scrive 42-26 per i dorici che adesso volano. Rimini è piena zeppa di talento ed esperienza e riesce a rosicchiare con Arrigoni e Rivali. 42-31 a -2’40” e stavolta il time out è di Coen che riaccende ancora la squadra di casa. Tripla di Panzini e canestro di Centanni per il nuovo +16 (47-31). Ferrari deve gestire i tre falli di Rinaldi e Fabiani, Arrigoni segna il 47-33 prima del nuovo centro del Capitano dorico che mette fine a un secondo quarto da 26-11 per quel bel +16 che torna e manda tutti negli spogliatoi.

In molti si aspettano un Rimini con il classico coltello tra i denti nel secondo tempo. E in effetti le attese non vengono tradite da un Saccaggi che riprende a mitragliare la retina dorica. Due triple del cecchino ex Agrigento per il 50-39, la Luciana Mosconi tiene bene il colpo e con Cacace e Quarisa mostra i muscoli. A metà del terzo quarto gioco da tre punti di Quarisa ed è tutto da rifare per Rimini che è di nuovo a -16 (59-43) a -5’28”. Nella parte finale di terzo quarto Rimini si ricorda di essere la prima in classifica. Parziale di 2-11 per i romagnoli spinti dalle zingarate di Tassinari, dalla tripla importante di Rivali e dalle conclusioni di Saccaggi e Bedetti. Rimini chiude il parziale 12-21 e ci si affaccia tutti all’ultimo quarto sul 61-54.

Cacace continua ad essere presente sulla partita con il canestro che inaugura l’ultimo quarto. Ci sono gli errori di Saccaggi e Tassinari ma anche due palle perse di Centanni che avrebbero potuto scrivere un finale diverso. Rimini arriva a -7 con Arrigoni poi ecco due canestri del capitano dorico intervallati dall’arcobaleno vincente di Tassinari. Ancona è sul +10 (68-58) a -5’45” dal termine ma Rimini è più vivo che mai. Tripla di Mladenov per il 68-63, c’è l’errore di Quarisa e subito dopo Bedetti porta il -3 per i suoi con la curva biancorossa che esplode (68-65). La grandezza della Luciana Mosconi è racchiusa nel canestro di Quarisa e nel successivo recupero difensivo di Pozzetti. Il lungo veneziano fallisce forse il colpo del k.o., Tassinari commette un’infrazione di passi apparsa alquanto dubbia e allora c’è il volo fino al ferro di Cacace per il 72-65. La difesa dorica costringe al tiro e all’errore Rinaldi, si va dall’altra parte e Panzini si prende la tripla che avrebbe scritto la parola fine ma la sua parabola urta ruvida contro il ferro. Rimini torna in attacco e a -1’25” dalla fine Centanni spende un fallo su Tassinari mentre l’ex Rucker tira da tre. Triplo successo dalla linea e Rimini sul -4 (72-68). L’ultimo minuto arriva con l’errore da tre stavolta di Cacace. C’è il time out che ferma il gioco ma accelera il battito cardiaco. Quando si riprende ecco la tripla di Tassinari per il -1 ospite. Ancona torna in attacco ma sbaglia con Panzini e per Rimini c’è addirittura la possibilità del sorpasso ma Tassinari stavolta sbaglia. Mancano 15″ e la Luciana Mosconi ha sulla racchetta la palla del match. Rimini non è ancora in bonus e spende tre falli in 6″. L’ultimo di Arrigoni manda in lunetta Pozzetti che segna il primo libero ma sbaglia il secondo (73-71). -9″ alla fine e Rimini si butta avanti. Centanni ferma l’attacco fallosamente con 4″ da giocare. Rimessa di Rivali direttamente per Tassinari che attira su di se la difesa di Minoli, Panzini accenna al raddoppio ma non serve per impedire il tiro che si spegne girando sul ferro terminando sulle mani protese a rimbalzo di Cacace. Finale su quel 73-71 ed è trionfo per la Luciana Mosconi

Luciana Mosconi Ancona – RivieraBanca Basket Rimini 73-71 (23-22, 26-11, 12-21, 12-17)
Luciana Mosconi AnconaAlberto Cacace 20 (8/8, 1/5), Andrea Quarisa 19 (8/12, 0/0), Simone Centanni 13 (5/7, 1/3), Lorenzo Panzini 11 (1/4, 3/5), Yannick Giombini 4 (0/1, 1/2), Simone Pozzetti 3 (0/2, 0/2), Nikodem Czoska 3 (1/3, 0/1), Tommaso Minoli 0 (0/0, 0/4), Thomas Aguzzoli 0 (0/1, 0/0), Edoardo Anibaldi 0 (0/0, 0/0), Mohamed Regai 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 13 – Rimbalzi: 21 2 + 19 (Nikodem Czoska 5) – Assist: 12 (Simone Centanni 4)
RivieraBanca Basket Rimini: Andrea Saccaggi 19 (2/3, 4/9), Andrea Tassinari 16 (5/5, 1/6), Marco Arrigoni 11 (4/6, 0/1), Francesco Bedetti 10 (2/2, 2/5), Eugenio Rivali 8 (1/4, 2/5), Tommaso Rinaldi 4 (1/4, 0/0), Borislav georgiev Mladenov 3 (0/1, 1/4), Alessandro Scarponi 0 (0/1, 0/2), Luca Fabiani 0 (0/0, 0/0), Stefano Masciadri 0 (0/0, 0/0), Dario Rossi 0 (0/0, 0/0), Davide Carletti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 11 / 13 – Rimbalzi: 34 9 + 25 (Marco Arrigoni 10) – Assist: 12 (Andrea TassinariMarco ArrigoniEugenio RivaliBorislav georgiev Mladenov 2)

 

Leave a Reply

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.