La Luciana Mosconi torna a vincere sbancando Montegranaro

La Luciana Mosconi Ancona centra la prima vittoria in trasferta espugnando la Bombonera di Montegranaro e soprattutto dando precise risposte dopo il k.o di Jesi. Partita condotta con autorità dai dorici che hanno affrontato la Sutor, e le non poche difficoltà nate durante l’incontro, con il giusto atteggiamento mettendo in ogni lato del campo intensità e buona attitudine. Ancora senza Leggio, e con un Potì uscito di scena a 3′ dalla fine del secondo quarto per una “scavigliata”, le pur lunghe rotazioni di Rajola venivano indebolite ma chi è sceso in campo ha saputo dare il giusto contributo. La Sutor, anch’essa accorciata perchè orfana di Stanzani e Angellotti, ha lottato con i denti fino alla fine cercando di rimanere incollata ai dorici sprigionando intensità e quell’agonismo che la Luciana Mosconi aveva subito e non poco a Jesi. Ma per vincere serviva quel qualcosa in più che non è arrivato e soprattutto limitare al massimo gli errori al tiro che invece hanno sistematicamente caratterizzato l’intero match dei padroni di casa.

Rajola parte con il quintetto dell’ultima uscita con Potì e Rattalino  insieme a Caverni, Centanni e Paesano. Anche la Sutor inizia senza sorprese con Bonifiglio, Gallizzi, Cipriani, Minoli e Riva. L’inizio di gara è livellato con la Sutor avanti 5-3 con un buon impatto di Minoli e la Luciana Mosconi che cerca i rifornimenti ai lunghi. Si va avanti con il botta e risposta per gran parte del primo quarto, nel frattempo Caverni ha già due falli e Rajola mette in partita Oboe, Rossi e poi Gospodinov. Il giovane bulgaro segna il 10-11 dalla lunetta e ispira il mini allungo anconetano chiuso con il 14-20 del 10′. La Sutor accusa intanto un pesante ed eloquente 0/7 da tre punti.

All’interno dell’economia dell’intera partita il secondo quarto è da ritenersi decisivo per la vittoria della Luciana Mosconi. I bianconeroverdi alzano il ritmo difensivo e dopo 5′ si ritrovano sul +14 (19-33) ispirati da un grande Paesano. La Sutor ha il forte merito di non mollare nonostante la montagna da scalare appaia ancor più dura. Tibs sbaglia molto ma la sua presenza in area è un fattore nella seconda metà del quarto. I gialloblu di casa riducono le distanze con un contro-break che li rimette in carreggiata. A 3′ dall’intervallo Ancona è avanti 29-37 ma perde Ale Potì che segnando il suo 4°punto ricade male sulla caviglia ed esce dalla mischia zoppicando. Cipriani segna gli ultimi cinque punti della Sutor con la Luciana Mosconi in vantaggio 34-43 a metà percorso.

A inizio di ripresa gli ospiti ritrovano il vantaggio in doppia cifra con Centanni e il contropiede dopo rubata di Rossi (36-47). La Sutor prova ancora a reggere ma è evidente che alla volitiva squadra di coach Ciarpella manchi una marcia in più. L’intensità dorica porta anche a un antisportivo per Paesano e un tecnico a Rossi, ma i veregrensi non capitalizzano a dovere i loro viaggi in lunetta. Nella Luciana Mosconi c’è anche un buon Oboe che difende forte e segna la tripla del 42-53. Il terzo quarto si chiude con il canestro sulla sirena di Paesano imbeccato direttamente dalla rimessa da Caverni (47-57).

L’inerzia della partita è ancor più nelle mani della Luciana Mosconi a inizio del periodo finale. Dopo 3′ Gospodinov, Oboe e Paesano portano i dorici sul 49-63, un vantaggio che si dilata al suo massimo a 5′ dalla fine con il 49-67 realizzato da Aguzzoli. Difficile credere nel miracolo di una Sutor che continua a sbattersi ma le percentuali sono ancora troppo basse. Ancona ha forse la colpa di credere già tutto finito e si lascia rimontare parte del gap. Bonfiglio e Minoli guidano la Sutor che piazza un break di 12-0 che di fatto riaccende le speranze dei sutorini. 61-67 a -1’23” dalla fine con Montegranaro che ha palla in mano e costruisce una tripla per Bonfiglio con il tiro dell’esperto play che rimbalza due volte sui ferri ed esce. E’ l’azione che decide il destino della partita. A 50″ dalla fine la tripla di Rossi scrive 63-72 dopo il 2/2 di Oboe e il canestro di Cipriani. Gli ultimi attimi di gara sono allungati dalla Sutor che manda l’avversario in lunetta ma nulla ormai può cambiare. Al 40′ si chiude tutto sul 67-76 e la Luciana Mosconi che festeggia la sua prima vittoria esterna.

Sutor Montegranaro-Luciana Mosconi Ancona 67-76 (14-20, 34-43, 47-57)
Sutor: Edraoui n.e. Minoli 17, Riva 2, Torresi n.e., Angellotti n.e, Ciarpella, Gallizzi 1, Stanzani n.e. Tibs 9, Cipriani 13, Romanò 7, Bonfiglio 18. All.Ciarpella
LUCIANA MOSCONI: Aguzzoli 6, Centanni 14, Potì 4, Oboe 9, Caverni 5, Gospodinov 9, Mancini n.e., Paesano 16, Rossi 9, Rattalino 4, Leggio n.e. All.Rajola

 

 

 

Leave a Reply

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.