La Luciana Mosconi in esilio “ospita” Catanzaro. Imperativo la vittoria

La lunga e complicata settimana della Luciana Mosconi si chiude con una sfida chiave per la squadra di Marsigliani. Dopo le sconfitte contro Bisceglie e di Senigallia, i dorici affrontano il Planet Catanzaro e non possono pensare ad altro che alla vittoria. Il momento negativo dal punto di vista dei risultati (4 sconfitte nelle ultime 5 partite) rende indispensabile prendere i due punti contro i calabresi che al momento sono immersi fino al collo nelle sabbie mobili della zona playout con appena 6 punti all’attivo. La Luciana Mosconi deve vincere per rispondere presente alle sollecitazioni arrivate in settimana,  per dare un calcio agli spettri della parte bassa della graduatoria e, non ultimo, continuare a tenere a vista il treno dei playoff. Pronostico sbilanciato verso i dorici che però dovranno fare i conti con la nuova indisponibilità del Palarossini e quindi, per la seconda volta nelle ultime tre gare casalinghe, dovranno emigrare in altri lidi. Per Baldoni e compagni si aprono le porte del PalaPanzini di Senigallia che ospiterà la gara contro i giallorossi catanzaresi a soli quattro giorni dal derby perso proprio contro la Goldengas nell’impianto di via Capanna. Totalmente priva dei favori del fattore campo, la Luciana Mosconi affronta una squadra che ha interrotto solo domenica scorsa la serie negativa che durava da 11 giornate e cioè dalla vittoria ottenuta proprio contro la Luciana Mosconi nel match di andata giocato in Calabria. Infatti Catanzaro ha soltanto vinto con Campli (andata e ritorno) e l’incontro dello scorso 28 ottobre quando gli anconetani sprofondarono sul -28 (54-26) alla fine del terzo quarto dopo un parziale di 25-9 nell’intero periodo. A nulla valse il tentativo di rimonta che si fermò al -11 finale (72-61). Da allora la formazione di coach Furfari ha collezionato solo sconfitte complice anche l’assenza per infortunio del centro Devil Medizza (11 punti e 9 rimbalzi) elemento più esperto dell’intera formazione che è rientrato proprio nel turno infrasettimanale e che quindi sarà a disposizione di Furfari a Senigallia. La serie nera si è interrotta nella partita di domenica scorsa in casa del Campli, maglia nera del Girone C, ma non ha avuto continuità con la Mastria Vending sconfitta nella partita giocata giovedì scorso in casa contro Teramo.  Catanzaro è una squadra molto giovane ed è la dimostrazione vivente che roster essenzialmente basati sugli under fanno grande difficoltà in un Girone dove avere esperienza la sta facendo da padrone. Rispetto al match di andata la Luciana Mosconi troverà nelle fila calabresi il centro Angelo Locci, arrivato a novembre da Battipaglia, lo scorso anno a Giulianova,  in grado di portare centimetri e peso in area. Catanzaro aveva speso anche il jolly supplettivo del girone di andata firmando il classe ’99 Franco Gaetano che esordì proprio contro la Luciana Mosconi all’andata finendo per essere il migliore dei suoi con i 19 punti realizzati a poche ore dal suo arrivo al PalaPulerà. Gaetano, arrivato alla 5a giornata dal crack di Lamezia, è l’elemento più in vista del Planet Basket tanto da conquistarsi nello scorso mese di dicembre la convocazione nello stage della Nazionale Under 20.
Nonostante la questione logistica, il momento delicato dal punto di vista dei risultati, e le insidie di un avversario comunque scorbutico, la Luciana Mosconi non può far altro che vincere. Due punti servirebbero per tenere le distanze dal quartulutimo posto, lontano 6 punti e rimarrà tale visto che il calendario prevede la  sfida tra le due squadre che se lo dividono, e tenere in mano l’ottava piazza che garantisce l’accesso ai playoff.
Rispetto alla gara contro Senigallia sarà di nuovo disponibile Lorenzo Pajola, out ancora Yan Giombini. Palla a due ore 18.00 al PalaPanzini di Senigallia, arbitrano l’incontro Rubera di Roma e Cattani di Città Ducale.

Leave a Reply

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.