Il protocollo delle modalità di svolgimento degli allenamenti della Pallacanestro non Professionistica

L’Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha varato le linee guida per la ripresa delle attività sportive, a conclusione del lockdown conseguente all’emergenza epidemiologica. Le suddette linee guida contenute nei DPCM e nelle Linee Guida della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Ufficio Sport n. 3180 del 04/05/2020 e del 17/05/2020 si basano sulle indicazioni fornite dal CONI e dal CIP che si sono avvalsi di uno Studio elaborato dal Politecnico di Torino.
È stato richiesto alle Federazioni Sportive Nazionali di elaborare specifici protocolli di attuazione delle predette linee guida, allo scopo di disciplinare le modalità di svolgimento dell’attività sportiva per le rispettive discipline, tenuto conto dei coefficienti di rischio di contagio riportati nello Studio.
Lo Studio classifica il rischio di contagio in relazione alle singole attività sportive, attraverso una classificazione progressiva elaborata “sulla base della numerosità di soggetti coinvolti, sul tipo di interazione tra i soggetti e sull’ambiente in cui tali attività vengono svolte”.
Il livello di rischio non è attribuito alla singola disciplina in sé, ma viene calcolato volta per
volta sulla base delle modalità di svolgimento della stessa, distinguendo le diverse fasi
dell’allenamento tra quelle che, ad esempio, prevedono l’interazione di due o più soggetti e/o la
condivisione di attrezzature, quelle che possono essere svolte all’aperto o che necessitano di
essere svolte al chiuso. Tali valutazioni prendono in considerazione tutte le persone funzionali
all’allenamento e non soltanto gli atleti. Lo Studio evidenzia che la classificazione del rischio dev’essere calcolata su ogni specifica attività svolta (da classe da 1 a 8) secondo le diverse casistiche che possono presentarsi nello svolgimento di ogni attività di addestramento, al fine di adottare le necessarie azioni di
mitigazione.

In allegato il documento aggiornato al 3 agosto 2020.  protocollo fip_linee guida_no prof