I nostri avversari: Janus Basket Fabriano

La capolista per la prima del 2020 al Palarossini. La Luciana Mosconi Ancona apre il nuovo anno in casa ospitando la Janus Fabriano, dominatrice del girone di andata appena concluso e prima in classifica con un bilancio di 13 vittorie in 15 partite. Ruolino di marcia da corazzata per la squadra di coach Pansa che sta rispettando a pieno i pronostici della vigilia primeggiando nel Girone C qualificandosi insieme a Cento per le Final Eight di Coppa Italia.
Una prima metà di regular season rovinata soltanto da due sconfitte. Quella arrivata a Chieti nella 3a giornata e quella casalinga per opera di Cento. Quella subita al PalaGuerrieri lo scorso 10 novembre è stata l’ultima sconfitta della Janus che arriva ad Ancona in striscia aperta da 7 turni anche se nelle ultime due giornate mai il k.o. è stato così vicino. Nell’ultimo match prima della sosta di Natale l’Aurora Jesi è andata vicinissima al colpaccio con Migliori che ha fallito il tiro della vittoria a pochi passi dal canestro sul filo di sirena. Nell’ultimo turno la paura è stata ancor più grande con la tripla  da otto metri del sorpasso di Merletto arrivata a pochi centesimi di secondo dalla fine. Due successi figli anche di una tenuta mentale e di una fiducia incredibile che hanno ormai i fabrianesi. Vincere aiuta a vincere e il bilancio altamente positivo può anche far diventare facili le cose apparentemente insormontabili.
Coach Lorenzo Pansa, artefice principale della costruzione del roster della Janus, lavora con un gruppo di giocatori che si plasma perfettamente al suo tipo di gioco, non a caso è una squadra composta da elementi che il tecnico piemontese conosce benissimo. Il quintetto di partenza della Janus è leggermente cambiato nell’ultima partita di Senigallia in virtù di una modifica  in seno al suo roster. Nelle ultime settimane la Janus ha aggiunto l’under ’98 Edoardo Fontana (arrivato dall’A2 di Agrigento dopo essere stato il miglior Under 21 dell’ultima Serie B con Piombino) al posto del coetaneo Angelo Guaccio finito a Cremona sempre in B. Quest’ultimo partiva in quintetto come numero 3 insieme al regista Daniele Merletto,  l’esterno Francesco Paolin, con Todor Radonic da numero 4 e chiamato a fare da spalla a Luca Garri, il 5 titolare che sta dominando le scene. Dalla panchina escono capitan Francesco Fratto, il tiratore Maurizio Del Testa, l’altro under Luigi Cianci e Fontana, l’ultimo arrivato che ha esordito domenica scorsa al PalaPanzini segnando 2 punti in 12′. A livello statistico Garri è il miglior realizzatore dei fabrianesi con 15.3 punti di media, seguito da Merletto (11.1) e Petrucci (10). Garri è anche il miglior rimbalzista di squadra prima di Radonjic che arpiona 7.3 carambole a partita.  La Janus nelle ultime due partite ha abbassato la sua media realizzativa. 61 punti segnati contro Jesi e 64 a Senigallia, prima del derby  del 22 dicembre l’attacco di Pansa segnava 75 punti a serata, alla fine del girone di andata la media è lievemente scesa a 73,5. Un’efficienza offensiva che sembra avere una leggera flessione ma è un calo sopperito dall’intensità difensiva che non conosce limiti. Fabriano è la 2a miglior difesa del campionato con 63.6 punti subiti, seconda soltanto a quella di Piacenza le cui qualità sono state appena assaggiate dalla Luciana Mosconi nell’ultima uscita.
La partita del Palarossini non vedrà in campo nessun ex. Coach Pansa ha avuto alle sue dipendenze Francesco Quaglia a Tortona nel 17/18. In quella squadra, che vinse a Jesi la Coppa Italia di A2, c’erano anche Luca Garri e Todor Radonjic. Niccolò Petrucci e il dorico Rinaldi sono stati compagni di squadra lo scorso anno a Caserta, così come Francesco Paolin e Michele Ferri lo sono stati 3 stagioni fa a Forlì.

A dare valore aggiunto alla forza della Janus c’è l’apporto del proprio pubblico che è annunciato in massa anche sulle gradinate del Palarossini. La Società dorica ha in settimana fornito a quella fabrianese 700 biglietti da vendere in prevendita. I dati arrivati dalla città della carta parlano di circa la metà di tagliandi venduti all’interno della settimana. Il grosso del tifo biancoblu si presenterà direttamente alla biglietteria del palasport di Passo Varano.

All’andata la Janus vinse largamente sulla Luciana Mosconi nella prima giornata di campionato (96-59) in quello che rimane tutt’ora il k.o. più pesante per Ferri e compagni.  Partita già decisa nel primo tempo (46-20 al 20′ dopo il 20-7 della prima sirena) dove la Janus ha avuto alla fine ben 5 uomini in doppia cifra (Garri 19, Fratto 18, Petrucci 15, Radonjic 14, Del Testa 11). Nella Luciana Mosconi il miglior realizzatore fu Quaglia (13) seguito da Centanni (11).

 

Leave a Reply

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.